​ ​

FAI-CISL​FLAI-CGIL​UILA-PESCA
Via Tevere, 20​Via L. Serra, 31​Via Sallustiana, 15
00198 Roma​00153 Roma ​00187 Roma
Tel. 06/845691​Tel. 06/585611​Tel. 06/42016235
Fax 06/8840652​Fax 06/58561334​Fax.06/42010843

COMUNICATO STAMPA

Urgente rifinanziare Cigs in deroga. Proclamato stato di agitazione del settore

FAI, FLAI E UILAPESCA esprimono forte preoccupazione per la situazione di crisi che il settore pesca attraversa ormai da diversi anni. Una crisi accentuata dall’applicazione di nuovi e più stringenti regolamenti comunitari, dall’innalzamento del prezzo del carburante e, soprattutto, dal progressivo e crescente impoverimento delle risorse marine.

Da più marinerie italiane, dai lavoratori e dalle imprese, cresce sempre più forte la richiesta al governo di intervenire. FAI, FLAI e UILAPESCA da diversi mesi, hanno chiesto un incontro al ministero del lavoro per chiedere di rifinanziare la cassa integrazione (Cigs) in deroga per il settore. Lo scorso 6 maggio, inoltre, FAI, FLAI e UILAPESCA, in un incontro con il ministro per le politiche agricole Saverio Romano, hanno rappresentato la necessità di introdurre un sistema di cassa integrazione strutturata per il settore, chiedendo il diretto intervento del ministro a sostegno di questa proposta.

Ad oggi, dobbiamo constatare che tutte le nostre richieste sono cadute nel vuoto. Inoltre, dal 1 agosto prossimo, partirà il “fermo biologico” che obbligherà le imbarcazioni che effettuano la pesca a strascico e volante a sospendere le attività per un periodo che oscillerà tra i 30 e i 45 giorni lavorativi. Per far fronte a questa situazione, riteniamo quindi fondamentale l’utilizzo dello strumento della Cigs in deroga e, soprattutto, il suo necessario e urgente rifinanziamento per l’anno in corso.

Considerata la gravità della situazione, l’incertezza sul futuro del settore e la grave mancanza di segnali da parte del governo, FAI, FLAI e UILAPESCA indicono lo stato d’agitazione dei lavoratori del settore, rinnovano al ministero del lavoro la necessità di un confronto per rispondere in maniera chiara alle richieste che arrivano dai lavoratori dipendenti, chiedono al ministro per le politiche agricole di attivarsi, con la stessa sollecitudine con la quale si è attivato per trovare le risorse per gli imprenditori, al fine di poter giungere al più presto al rifinanziamento della Cigs in deroga per il settore.

Roma, venerdì 8 luglio 2011 ​l’ufficio stampa

20110708-221133.jpg

admin

Comments are closed.