Roma, 1.8.2011

Comunicato stampa

Nardò, la Flai e la Cgil insieme ai lavoratori immigrati in sciopero

Dichiarazioni del Segretario generale della Flai-Cgil Stefania Crogi

Centinaia di lavoratori immigrati hanno deciso di protestare ieri nelle campagne di Nardò chiedendo di essere retribuiti in maniera più equa e pretendendo diritti e tutele. Centinaia di lavoratori senegalesi, magherebini, sud africani hanno deciso di scioperare e di non andare a raccogliere i pomodori nei campi.

Solo se si da una lettura superficiale dell’evento non si arriva a decodificare che quanto è accaduto non ha nulla di casuale o di estemporaneo.

La Flai e la Cgil da mesi sono impegnate in tutta Italia in un’attività denominata “sindacato di strada” e in maniera particolare proprio a Nardò.

Sindacalisti e operatori confederali a bordo di un camper si sono recati giornalmente, da quando è iniziata la campagna di raccolta, sui campi e hanno svolto un’intensa attività di informazione.

A Nardò si raccolgono circa 400 lavoratori immigrati, provenienti prevalentemente dall’Africa, ai quali sono stati spiegati i diritti, la paga contrattuale, il ruolo e la forza del sindacato confederale. Con la protesta di ieri hanno voluto denunciare e ribellarsi al caporale ( al quale devono pagare 3 euro al giorno per essere chiamati a lavorare più 5 euro per il trasporto sui campi), rivendicare un salario equo a fronte dei 4-6 euro a cassone di pomodoro (il salario contrattuale è oltre il doppio), avere un lavoro regolare e non in nero (e non correre il pericolo di entrare in clandestinità grazie alla Bossi-Fini).

La loro è soprattutto una battaglia di civiltà e dignità umana.La Flai e la Cgil sono con loro. Non possiamo permetterci il lusso di lasciarli da soli.

20110801-182014.jpg

admin

Comments are closed.