ANTICIPATA VIA FAX
Spett.le Direzione
Abbazia S.Anastasia S.p.a.

e.p.c. Sua Eccellenza
Signor Prefetto di Palermo

Alla Cortese Attenzione del Dott. Scimeca
Sua e


Oggetto: PROCLAMAZIONE STATO DI AGITAZIONE DEI LAVORATORI E RICHIESTA INCONTRO.

In data odierna si è svolta, presso i locali dell’Abbazia così come comunicato, una assemblea dei lavoratori, in merito al pagamento della mensilità corrente e delle spettanze arretrate ed alla continuità del ciclo produttivo per il mantenimento delle garanzie occupazionali; assemblea avvenuta in un clima di forte tensione e preoccupazione anche per le condizioni di crisi economica, finanziaria e sociale che investono il territorio madonita e la regione nel suo complesso.
Nel merito delle questioni affrontate è stata ribadita la necessità di assicurare la regolarità e la contemporaneità del pagamento della mensilità corrente a tutti i lavoratori, il pagamento delle spettanze arretrate e l’implementazione dei braccianti utilizzati nella fase colturale in essere con l’immediato avviamento di tutti coloro che, nonostante professionalità acquisite e lavorino da anni presso l’Abbazia, non sono stati ancora avviati al lavoro. Implementazione, non sostituzione.
Tutto ciò considerato, in attesa di un riscontro nel merito delle questioni sopracitate, si proclama lo stato di agitazione permanente dei lavoratori.
Con la presente, inoltre, si reitera la richiesta di un incontro urgente con la S.V. per una verifica del piano industriale e per affrontare tutte le problematiche aziendali; qualora tale incontro non venga formalizzato in tempi brevissimi chiederemo l’autorevole intervento di Sua Eccellenza Signor Prefetto di Palermo per esser convocati, con una delegazione di lavoratori, presso la Prefettura.
Con lo spirito di collaborazione e il senso di responsabilità che ha sempre contraddistinto, nella sua azione, questa O.S., l’occasione è gradita per porgere distinti saluti.

Castelbuono, lì 01 febbraio 2012

Il Responsabile
FLAI CGIL Madonie
Capuana Vincenzo

admin

Comments are closed.